Testimoni Digitali - News & Digit Media
Benedetto XVI, "Testimoni digitali", nella rete "una vocazione aperta e un nuovo fossato"

“Il tempo che viviamo conosce un enorme allargamento delle frontiere della comunicazione, realizza un’inedita convergenza tra i diversi media e rende possibile l’interattività”. Lo ha detto, stamattina, Benedetto XVI, ricevendo in udienza nell‘Aula Paolo VI i partecipanti al convegno “Testimoni digitali. Volti e linguaggi nell’era crossmediale” (il testo integrale del discorso del Papa è su agensir.it - documenti). La rete manifesta, ha osservato il Papa, “una vocazione aperta, tendenzialmente egualitaria e pluralista, ma nel contempo segna un nuovo fossato: si parla, infatti, di digital divide. Esso separa gli inclusi dagli esclusi e va ad aggiungersi agli altri divari, che già allontanano le nazioni tra loro e anche al loro interno”. Non solo: “Aumentano pure i pericoli di omologazione e di controllo, di relativismo intellettuale e morale, già ben riconoscibili nella flessione dello spirito critico, nella verità ridotta al gioco delle opinioni, nelle molteplici forme di degrado e di umiliazione dell’intimità della persona”. Questo convegno, invece, ha sottolineato il Pontefice, “punta proprio a riconoscere i volti, quindi a superare quelle dinamiche collettive che possono farci smarrire la percezione della profondità delle persone e appiattirci sulla loro superficie: quando ciò accade, esse restano corpi senz’anima, oggetti di scambio e di consumo”.


Ultimo aggiornamento di questa pagina: 24-APR-10
 

testimoni_digitali - Copyright @2005 - Strumenti Software a cura di Seed